Filiblù

Dopo alcuni anni di prova, ecco finalmente questo Cabernet passito secco. I grappoli, raccolti a maturazione in piccole cassette da frutta, vengono immediatamente appesi ai fili tesi sotto il portico orientato a sud e lasciati appassire per due o tre mesi a seconda dell’annata. Una volta raggiunto il giusto grado di concentrazione, l’uva viene diraspata e pigiata. La fermentazione è lunga e difficoltosa  a causa del grado alcolico che si sviluppa e delle basse temperature invernali. Dopo la svinatura il vino viene travasato nelle barrique in cui rimarrà per 24 mesi. La maturazione in legno è comunque seguita da un ulteriore affinamento in bottiglia.

Il risultato di questa lunga attesa è un vino caratterizzato da una notevole potenza olfattiva e da una struttura assai robusta. Filiblù è il nome che è stato attribuito a questo vino perché blu è il colore dei fili colmi di uva tenuta ad appassire.